Tag

, , , ,

Come allora, in Grecia, davanti al mare degli dei, raccolgo sassi, come frammenti di vita e ricompongo un disegno.

Capita, a volte, di sconfinare in mondi che non sono i nostri.

E’ inebriante perchè ci si sente come dentro un vortice, un caleidoscopio di emozioni e sensazioni nuove, avvolgenti e spesso, totalizzanti.

Come un’ubriacatura della mente, tutto appare ovattato, colorato, perfettamente sferico, senza spigoli.

I contorni delle cose appaiono sfumati e tutte le cose sembrano diverse ed entusiasmanti.

Ciò che appartiene al vecchio mondo perde significato, ci diventa indifferente, come avvolto in una leggera patina che ne stempera la luce e il colore.

Poi, come quando si apre un sipario e cala il buio in sala, ciò che si nascondeva agli occhi, riacquista luce e torna a palesarsi, riprendendo il suo posto nel nostro cuore e nella nostra mente.

Tutto torna chiaro.

Lo sconfinamento è terminato.

Si torna a casa, un po’ alla volta.

Riapriamo le finestre e facciamo entrare il sole.

E’ tempo di ricominciare.

Immagine

 

Annunci